Economia a rischio in El Salvador

Un paese povero ha reso Bitcoin una valuta nazionale. La scommessa non sta dando i suoi frutti.
Ha portato il presidente di El Salvador, Nayib Bukele, l’adulazione della comunità tecnologica, ma ha ridotto i fondi scarsi e avvicinato la nazione al default.

l Bitcoin aveva lo scopo di trasformare l’economia di El Salvador, catapultando la povera nazione centroamericana in un improbabile presagio di una rivoluzione finanziaria.

Ma quasi un anno dopo che il presidente del paese, Nayib Bukele, ha scioccato il mondo finanziario trasformando la sua moneta digitale più popolare in una valuta nazionale, la sua scommessa sembra fallire, evidenziando il divario tra le promesse utopiche dei sostenitori della criptovaluta e le realtà economiche.

Le partecipazioni in bitcoin del governo hanno perso circa il 60% del loro valore presunto durante il recente crollo del mercato. L’uso del bitcoin tra i salvadoregni è crollato e il paese sta finendo i contanti dopo che il signor Bukele non è riuscito a raccogliere nuovi fondi dagli investitori di criptovaluta.

Tuttavia, le battute d’arresto finanziarie non sono riuscite a intaccare la popolarità del signor Bukele . I sondaggi mostrano che più di otto salvadoregni su 10 continuano a sostenere il presidente, in parte grazie alla sua repressione ampiamente sostenuta contro le bande criminali e ai sussidi per il carburante che hanno attenuato la puntura dell’inflazione globale.

Ma il fallimento degli obiettivi dichiarati da Bukele per bitcoin – portare investimenti al paese e servizi finanziari ai poveri – ha messo in luce le carenze del suo stile di governo autoritario e incentrato sull’immagine, affermano i critici. Ha anche sollevato interrogativi sulla sostenibilità finanziaria del suo ambizioso piano per modernizzare El Salvador a spese del governo democratico.

L’anno scorso, il suo governo ha stanziato l’equivalente del 15 percento del suo budget di investimento annuale per provare a radicare bitcoin nell’economia nazionale.

Ha offerto  30 dollari, quasi l’1% di quello che guadagna un salvadoregno medio in un anno, a ogni cittadino che ha scaricato un’app di pagamento in criptovaluta supportata dal governo chiamata Chivo Wallet; chivo significa “cool” nello slang locale.

Il signor Bukele afferma che quasi 3 milioni di salvadoregni, ovvero il 60 per cento degli adulti, hanno ascoltato la sua chiamata.

Tuttavia, dopo l’adozione iniziale, l’uso della criptovaluta è precipitato.

Solo il 10 percento degli utenti di Chivo ha continuato a effettuare transazioni bitcoin sull’app dopo aver speso lo stipendio di  30 dollari, secondo un sondaggio condotto da tre economisti americani a febbraio e pubblicato dal National Bureau of Economic Research. Quasi nessun nuovo cliente ha scaricato l’app quest’anno, hanno scoperto i ricercatori.

“Il governo ha dato a questo progetto tutta la spinta che si poteva sperare, e ha comunque fallito”, ha affermato Fernando Alvarez, economista dell’Università di Chicago e autore dello studio.

Un sondaggio separato della Camera di Commercio di El Salvador a marzo ha rilevato che solo il 14% delle aziende del paese ha effettuato transazioni in bitcoin da quando è stato introdotto a settembre e solo il 3% ha affermato di percepire un valore commerciale in esso.

I salvadoregni negli Stati Uniti hanno anche ignorato la richiesta del signor Bukele di utilizzare bitcoin per inviare denaro ai parenti a casa. Le app di pagamento in valuta digitale, come Chivo, hanno rappresentato meno del 2% delle rimesse nei primi cinque mesi di quest’anno, secondo la banca centrale di El Salvador.

La spinta al bitcoin di Mr. Bukele è stata inferta un ulteriore colpo da una svendita globale di criptovalute che ha spazzato via centinaia di miliardi di dollari dal valore delle risorse digitali da marzo.

“La gente ha paura di perdere i propri soldi”, ha detto Edgardo Villalobos, che coordina i venditori in un vasto mercato di strada nel centro di San Salvador, la capitale di El Salvador. Dopo il recente crollo dei prezzi, ha affermato che il suo stipendio di  30 dollari per il download dell’app Chivo vale  10 dollari.

Tuttavia, nonostante la recessione, gli appassionati e gli imprenditori di bitcoin sostengono che l’introduzione del bitcoin ha trasformato l’immagine di El Salvador in quella di un pioniere tecnologico e ha creato opportunità finanziarie per i suoi cittadini al di fuori dei sistemi bancari tradizionali.

“Nella misura in cui stiamo perseguendo la libertà finanziaria, siamo ancora sulla buona strada per questo”, ha affermato Eric Gravengaard, CEO di Athena Bitcoin, una società di criptovaluta con sede negli Stati Uniti che gestisce la rete di bancomat di criptovaluta di El Salvador ed elabora transazioni bitcoin per le più grandi catene di vendita al dettaglio del paese.

I critici affermano che anche il bitcoin non è riuscito a portare l’ondata promessa di imprenditori di criptovaluta nel paese.

Solo 48 nuove società focalizzate sul bitcoin si sono registrate in El Salvador dall’introduzione della criptovaluta, secondo la banca centrale del paese; che rappresenta meno del 2% di tutte le attività aperte nel 2019. Quasi tutte sono start-up che assumono pochi locali e portano pochi investimenti, ha affermato Leanor Selva, direttore esecutivo dell’Associazione nazionale per le imprese private di El Salvador.

“Nel quotidiano, l’impatto è stato nullo”, ha affermato, aggiungendo che invece di attirare nuovi investitori, bitcoin ha spaventato i finanzieri tradizionali preoccupati dall’impatto della criptovaluta sulla stabilità economica.

Il signor Gravengaard ha ribattuto sottolineando che tutti i 30 dipendenti della sua azienda in El Salvador tranne due sono cittadini locali. Più in generale, il settore tecnologico in crescita del paese ha offerto ai suoi giovani l’opportunità di costruire una carriera in un paese che è stato a lungo una delle maggiori fonti di migranti negli Stati Uniti.

“Questo è semplicemente un sogno”, ha detto Gerson Martínez, un imprenditore di bitcoin salvadoregno. “Come figlio di migranti che hanno dovuto lasciare El Salvador, questo mi dà molte speranze”.

Anche il crollo dei prezzi non ha scoraggiato l’entusiasmo del signor Bukele per il bitcoin, che gli è valso l’ adulazione della comunità globale delle criptovalute .

In una serie di post su Twitter nell’ultimo anno, il signor Bukele ha annunciato di aver acquistato un totale di quasi 2.400 token bitcoin da settembre, in accordi per un valore stimato di $ 100 milioni. Quando i critici lo hanno accusato di irresponsabilità finanziaria, ha risposto dicendo che conduce transazioni sul suo telefono mentre è nudo .

” Il Bitcoin è il futuro!”, Ha detto in un post su Twitter il 30 giugno dopo aver annunciato il suo ultimo acquisto in mezzo a una svendita di criptovalute in corso. “Grazie per aver venduto a buon mercato.”

Non è chiaro dove siano detenuti gli asset bitcoin, quanto valgono, come sono stati pagati o anche chi detiene i codici che dimostrano la loro proprietà.

L’ufficio stampa di Bukele, il suo ministro delle finanze, José Alejandro Zelaya, e il suo consigliere bitcoin, Samson Mow, non hanno risposto alle richieste di commento.

Finora, le operazioni di Mr. Bukele sono costate al paese una perdita di valore stimata di 63 milioni di dollari, secondo le stime della scorsa settimana dalla rivista Disruptive, pubblicata dalla Francisco Gavidia University di San Salvador.

Le perdite stanno aumentando mentre il governo lotta per sovvenzionare i costi crescenti delle importazioni di cibo e carburante e per far fronte a un imminente pagamento del debito.

Sottolineando le sfide di finanziamento, Bukele l’anno scorso ha ridotto gli esborsi per i governi locali, costringendo alcuni sindaci a ridurre i servizi pubblici come borse di studio e infrastrutture idriche.

“Il problema con bitcoin è che nessuno ci guadagna”, ha affermato Carlos Acevedo, economista salvadoregno ed ex direttore della banca centrale. “È un investimento che non porta benefici sociali”.

Il crollo dei prezzi delle criptovalute ha già fatto deragliare un asse principale dell’esperimento finanziario di Mr. Bukele: l’emissione del primo titolo di Stato al mondo supportato da bitcoin.

L’obbligazione avrebbe consentito al signor Bukele di aggirare le istituzioni finanziarie tradizionali , come il Fondo monetario internazionale, che ha subordinato nuovi fondi al paese alla disciplina finanziaria.

Dopo aver annunciato un’obbligazione da 1 miliardo di dollari denominata in bitcoin, il governo ha rinviato il progetto a tempo indeterminato all’ultimo minuto, a marzo, sostenendo che la guerra in Ucraina aveva peggiorato le condizioni finanziarie globali.

Gli economisti affermano che ciò ha lasciato al paese poche buone opzioni per effettuare un pagamento di 800 milioni di dollari sul suo debito in scadenza a gennaio o pagamenti successivi negli anni successivi.

Alla fine, il signor Bukele dovrà affrontare la difficile scelta di tagliare drasticamente la spesa pubblica con il rischio di far arrabbiare gli elettori o di spingere il paese al default. Un default potrebbe interrompere le importazioni di base, ridurre la crescita e persino causare una corsa agli sportelli.

“Bukele ha dimostrato che si preoccupa più dell’immagine pubblica che della sana gestione economica”, ha affermato Frank Muci, un esperto di politiche pubbliche presso la London School of Economics che ha studiato il bitcoin bond di El Salvador. “Ma alla fine i polli torneranno a casa al posatoio, a un costo molto alto per il Paese”.

Fonti: Articolo del 05/07/22 di Economia Italia. Foto di Agenda Digitale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.