Quasi 100 donne uccise in Myanmar

Un gruppo per la parità di genere afferma che le donne sono morte durante le proteste, gli interrogatori e le offensive delle truppe.

Quasi 100 donne sono state uccise dalle forze di sicurezza fedeli alla giunta birmana da quando i militari hanno orchestrato una presa di potere quasi 11 mesi fa, ha riferito  martedì un gruppo che promuove l’uguaglianza di genere nel paese mentre le ex detenute affermavano che gli abusi sessuali sui detenuti erano di routine.

Secondo la Women’s League of Burma (WLB), un totale di 94 donne sono state uccise dalla polizia o dai soldati durante proteste anti-giunta, interrogatori e persecuzioni delle truppe dal 1 febbraio  da quando i militari hanno deposto il Governo Democratico con un colpo di stato .

Secondo l’Associazione di assistenza ai prigionieri politici (AAPP) con sede a Bangkok, nei mesi successivi i militari hanno ucciso almeno 1.380 civili e arrestato quasi altri 8.300, per lo più durante le  diffuse manifestazioni pacifiche. I militari hanno anche lanciato offensive contro più gruppi etnici armati e milizie pro-democrazie nelle remote regioni di confine del paese.

Tra le donne uccise c’era Chin Chin, una donna di 23 anni della milizia anti-giunta People’s Defense Force (PDF) nella cittadina di Kalay, nella regione di Sagaing, che è stata colpita alla testa durante un raid militare il 18 novembre.

Il padre di Chin Chin ha detto al Myanmar Service di RFA di essere stato devastato dalla morte improvvisa di sua figlia, una studentessa universitaria.

“Non riuscivamo a pensare a niente da fare in quel momento e nutrivamo la speranza che fosse ancora viva”.

“Non sapevamo dove andare per prendere il corpo o a chi rivolgerci per chiedere aiuto. Speriamo solo di raccogliere i suoi resti un giorno, quando riavremo la nostra libertà e la seppelliremo come si deve”.

I combattimenti tra i militari e il PDF continuano a Kalay, impedendo il recupero del suo corpo, e il padre di Chin Chin ha detto che spera un giorno di organizzare un funerale per lei secondo la tradizione dell’etnia Chin.

Secondo la WLB, alcune delle 94 donne sono state uccise durante la brutale repressione delle proteste anti-golpe. Giovani donne come Mya Thwe Thwe Khaing e Kyai Zin sono state colpite alla testa durante tali repressioni nella capitale Naypyidaw e Mandalay nelle prime settimane della crisi politica.

Martedì il portavoce della Junta, il vice ministro dell’informazione Zaw Min Tun, ha definito false le cifre della WLB.

“Abbiamo rilasciato dichiarazioni nella maggior parte dei casi, indipendentemente dal fatto che si trattasse della morte di una donna o della morte di un uomo che stavano compiendo atti di violenza”.

“Alcune organizzazioni hanno fatto tutte queste accuse, ma non sono vere. Sono senza fondamento. Non hanno prove”.

L’AAPP afferma che i militari hanno arrestato più di 2.000 donne dal golpe e che alcune delle 94 morti documentate dalla WLB includono quelle uccise in prigionia.

Ma Myo, che è stata rilasciata dalla detenzione dopo 45 giorni di isolamento nella prigione di Insein a Yangon, ha detto a RFA che tutte le donne arrestate devono prima passare attraverso i centri di interrogatorio, che ha definito “un inferno vivente” a causa del trattamento che ha ricevuto.

Ma Myo ha detto che dopo essere arrivata in prigione, è stata sottoposta a torture e abusi sessuali, che secondo lei il personale “sembrava credere di avere il diritto” di infliggere ai detenuti.

“Il modo in cui trattano le donne detenute non è giusto. Ho sempre fatto presente durante i loro  “interrogatori”, anche mentre ero in isolamento , che le loro azioni violavano i diritti delle donne… e loro dicevano che non potevamo parlare di diritti umani in una prigione”.

“Hanno detto che eravamo sotto la loro giurisdizione e che non potevamo rivolgersi  loro o rispondere  in quel modo. Penso che abbiano un complesso di inferiorità e pensano di avere il diritto di colpire chiunque indossi un’uniforme carceraria”.

Tra le prigioniere arrestate per aver protestato contro il colpo di stato c’erano “ragazze di appena quattro anni e di 60 anni”.

Altre donne rilasciate dalla detenzione come parte di un’amnistia generale del 28 settembre hanno detto a RFA che la polizia e gli ufficiali dell’esercito che svolgono interrogatori sono regolarmente sotto l’influenza dell’alcol e sono noti per abusare sessualmente delle detenute.

Il segretario generale congiunto della WLB, Nang Moe Moe, ha affermato che un giorno i membri delle forze di sicurezza dovranno essere ritenuti responsabili della violenza che hanno commesso contro le donne in Myanmar.

“I militari stanno commettendo crimini veramente efferati contro l’umanità… e orribili crimini di guerra”, ha detto.

“Il mondo sta assistendo a tutti questi crimini e la situazione è inaccettabile. Ci deve essere responsabilità».

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte articolo: RFA, 28/12/2021. Fonte foto: Corriere.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *