Oppositori del governo in Nicaragua

Sette oppositori del governo di Daniel Ortega sono stati dichiarati colpevoli il 24 febbraio di cospirazione per sovvertire l’ordine nazionale.

I processi si sono svolti a porte chiuse.

Erano tutti stati arrestati prima delle presidenziali del 7 novembre 2021, quando il regime sandinista aveva portato avanti una campagna contro candidati e attivisti.

Il processo si è svolto a porte chiuse nella prigione del Chipote a Managua.

All’inizio di febbraio Dora Téllez e Lesther Alemán, due tra i principali oppositori del governo sandinista, erano stati giudicati colpevoli con processi definiti “vergognosi” dalle organizzazioni per i diritti umani.

Secondo lo scrittore nicaraguense Sérgio Ramírez, che si trova in esilio, i processi in corso in Nicaragua somigliano a quelli condotti a Mosca tra il 1936 e il 1938 contro figure politiche rilevanti che rappresentavano una minaccia al potere di Stalin.

E come allora, quando quei processi ebbero poca risonanza internazionale perché sul mondo incombeva la minaccia del nazismo, oggi la comunità internazionale ha altro di cui occuparsi.

Il riferimento di Ramírez è ovviamente all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Fonte articolo: 11/03/22 L’Internazionale Foto: Euronews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *