Migliaia di sfollati in Myanmar

Più di 12mila sfollati sono fuggiti dai raid aerei effettuati nei giorni scorsi dall’esercito birmano, ha assicurato sabato una fazione etnica ribelle, deplorando anche “molte vittime” e “la distruzione di scuole e villaggi”. Mentre, secondo media locali, almeno cinque manifestanti anti-golpisti sono rimasti uccisi questa mattina in scontri con le forze di sicurezza. Tre delle vittime si sono avute a Monywa, nella parte centrale del Paese, dove i militari avrebbero aperto il fuoco sui manifestanti e fatto ricorso a granate stordenti per disperdere la folla. Un’altra persona è stata uccisa a Thaton, nel sud del Paese.

“Più di 12.000 civili sono fuggiti causando una grave crisi umanitaria”, ha detto la Karen National Union (KNU), uno dei più grandi gruppi armati del Paese. In risposta al bagno di sangue delle forze di sicurezza contro gli oppositori del colpo di stato del 1 ° febbraio, il KNU la scorsa settimana ha sequestrato una base militare nello stato di Karen, nel sud-est del paese. L’esercito ha reagito effettuando raid aerei tra il 27 e il 30 marzo, prendendo di mira le roccaforti del KNU, il primo attacco del genere da vent’anni in questa regione. “Molti civili sono morti, inclusi minori e studenti. Scuole, case e villaggi sono stati distrutti”, ha osservato il KNU.

“Esortiamo tutte le minoranze etniche del Paese (…) ad agire con forza e ad adottare sanzioni” contro i responsabili. Dall’indipendenza della Birmania nel 1948, molte fazioni armate etniche sono state in conflitto con il governo centrale per ottenere maggiore autonomia, riconoscimento della loro specificità, accesso alle numerose risorse naturali del paese o una parte del lucroso traffico di droga. L’esercito aveva concluso un cessate il fuoco con alcuni di loro negli ultimi anni. Ma dopo il colpo di stato che ha rovesciato il governo civile di Aung San Suu Kyi, molti hanno sostenuto la mobilitazione democratica e minacciato di riprendere le armi contro la giunta che reprime sanguinosamente la protesta. 550 civili sono stati uccisi dalle forze di sicurezza negli ultimi due mesi, secondo l’Associazione per l’assistenza ai prigionieri politici (AAPP).

l bilancio potrebbe essere molto più pesante: più di 2.700 persone sono state arrestate. Detenuti in incommunicado, senza accesso alla persona amata o a un avvocato, molti sono scomparsi. La giunta ha anche bloccato l’accesso a Internet per la grande maggioranza della popolazione, interrompendo i dati mobili e le connessioni wireless.

I generali ignorano le condanne internazionali. Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu “ha espresso profonda preoccupazione per il rapido deterioramento della situazione”, condannando “fermamente” le violenze in una dichiarazione unanime. Ma Cina e Russia sono categoricamente contrarie all’idea delle sanzioni delle Nazioni Unite, a differenza di Stati Uniti e Regno Unito che si sono già imposti dalla loro parte.

Fonte: articolo de La Repubblica, 3/04/21; foto fides.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *