La tensione tra Egitto ed Etiopia sul Nilo

L’Egitto ha condannato la mossa dell’Etiopia di attivare parzialmente la prima turbina nella Grand Ethiopian Renaissance Dam (GERD).

“La parte etiope ha compiuto un ulteriore passo avanti nel violare i propri obblighi ai sensi della Dichiarazione dei Principi del 2015”, ha affermato il Ministero degli Affari Esteri egiziano in una dichiarazione pubblicata sulla sua pagina Facebook il 20 febbraio. Il Cairo crede che la misura unilaterale interromperà il Blue Nilo, nonostante non abbia un impatto diretto sugli interessi idrici egiziani.

Il 20 febbraio il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha inaugurato la prima turbina della controversa diga, con una capacità di 375 megawatt.

Una volta completata, la diga dovrebbe generare un totale di 5.150 megawatt da 13 turbine. Circa 7,2 miliardi di metri cubi d’acqua sono stati trattenuti nel lago della diga negli ultimi due anni. tutta acqua che però arriva in Egitto e mantiene viva la sua produzione elettrica, con la Diga di Assuan e la sua agricoltura. L’Egitto teme che l’acqua, preziosissima, non giunga più a valle in sufficienza.

I negoziati sotto l’egida dell’Unione Africana (UA) sono stati interrotti nell’aprile 2021 dopo il mancato raggiungimento di un accordo vincolante sul riempimento e la gestione della diga. Nel frattempo, l’Etiopia ha continuato a riempire il serbatoio della diga, mentre l’adesione del Sudan all’UA è ancora sospesa a seguito del colpo di stato militare del 25 ottobre.

Un funzionario egiziano ha detto ad Al-Monitor in condizione di anonimato: “Non abbiamo ricevuto alcuna informazione ufficiale dalla parte etiope dall’inizio di questa operazione di prova. L’Etiopia sta ancora seguendo la politica di imporre il fatto compiuto senza consultazioni preliminari [con i paesi a valle]”.

Ha aggiunto: “Il Nilo non può essere gestito unilateralmente da nessuno dei paesi rivieraschi. Abbiamo discusso nei negoziati dell’importanza di collegare il GERD con il sistema di dighe sul Nilo Azzurro, che l’Etiopia rifiuta”.

Il quinto punto sulla Dichiarazione di principi tra Egitto, Sudan ed Etiopia nel marzo 2015 afferma che tutte le parti dovrebbero concordare regole per il primo riempimento della diga e il suo funzionamento annuale, e che l’Etiopia dovrebbe “informare i paesi a valle di qualsiasi imprevisto o urgente circostanze che richiedono adeguamenti”.

Il quinto punto chiede anche un meccanismo di coordinamento tra i tre paesi. Eppure nessuna delle disposizioni è stata attuata dall’Etiopia, che ha completato il primo e il secondo riempimento senza l’approvazione né dell’Egitto né del Sudan.

Karim Kamal, un ingegnere egiziano specializzato in impianti idrici, ha detto ad Al-Monitor: “Il funzionamento di una o due turbine nel GERD non ha un impatto negativo diretto sull’Egitto in questo momento”, perché “le quantità di acqua che dovrebbero passare da la diga dopo l’operazione parziale rimane uguale alle quantità che uscivano dallo sfioratore centrale del GERD. Ma, ha aggiunto, “il danno più grande è nel funzionamento permanente della diga senza coordinamento con Egitto e Sudan”.

I test della prima turbina si sono svolti da fine gennaio fino al 14 febbraio. Tuttavia, le foto condivise da Ahmed sul suo account Facebook ufficiale non mostravano il flusso d’acqua di questa operazione parziale, sollevando dubbi sulla capacità di alimentazione dato il basso livello dell’acqua dietro la diga.

Peter Hany, professore di irrigazione e idraulica all’Università di Ain Shams, ha detto ad Al-Monitor che la turbina deve avere una colonna d’acqua al di sopra del proprio livello. Poiché l’attuale funzionamento è al livello dell’acqua più basso nel lago diga, la capacità effettiva della turbina non raggiungerà i 375 megawatt. “Questa operazione parziale si limiterà quindi a essere un processo che potrebbe continuare per soli due mesi”, ha affermato.

Le attuali quantità d’acqua nella diga non influenzeranno l’Egitto, ha affermato, poiché “l’alta diga può ospitare quantità d’acqua fino a 130 miliardi di metri cubi e la capacità dello sfioratore di Toshka è di 56 miliardi di metri cubi. Tuttavia, è impossibile in fiumi internazionali di avere una gestione unica di una fonte d’acqua nella parte superiore del fiume senza consultare i paesi a valle”.

L’Egitto ha più volte protestato con l’Etiopia per questa opera, giungendo ad accusare Addis Abeba di destabilizzare la regione e minacciando un intervento diretto. Si rischia una vera  e propria guerra per l’acqua, essenziale nelle regione.

Fonte: articolo del 25/02/22 di Scenari Economici. Foto: Limes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *