In Myanmar bruciati villaggi dai militari

I militari del Myanmar hanno bruciato centinaia di villaggi.

La regione di Sagaing è la più colpita dagli incendi.

In questa regione vi è la presenza di una forte opposizione alla giunta militare birmana che, il 1° febbraio 2021, ha preso il potere con un colpo di Stato.

Dall’inizio di quest’anno i militari del Myanmar hanno bruciato parzialmente o completamente oltre 100 villaggi nel tentativo di reprimere la resistenza.

Tale devastazione è stata confermata da decine di immagini satellitari fornite dalla società americana di imaging della terra Planet Labs e dall’agenzia spaziale americana NASA e analizzate da Reuters.

Le foto confermano in gran parte i resoconti dei media locali.

La parte del Myanmar più colpita è la regione centrale di Sagaing, dove vi è la presenza di una forte opposizione alla giunta militare.

“È una campagna di terroreSe vivi in ​​una zona o in un villaggio che la giunta militare pensa che sei un oppositore, allora sei, a loro avviso, il nemico“, ha detto a Reuters Tom Andrews, l’inviato speciale delle Nazioni Unite per i diritti umani in Myanmar. 

Andrews ha detto di aver parlato al telefono con diversi testimoni e altre persone che gli hanno fornito informazioni sul campo.

Ha detto che queste persone gli hanno riferito che i militari hanno aumentato gli attacchi a Sagaing negli ultimi mesi.

Da dicembre, le milizie militari e pro-militari hanno dato fuoco ai villaggi birmani quasi ogni giorno.
Gli attacchi militari e gli incendi dolosi hanno portato a sfollamenti su larga scala.
Secondo l’ONU, solo nell’ultima settimana di febbraio, più di 52mila persone sono fuggite dalle loro case.
Secondo diversi analisti, bruciare i villaggi è una tattica vecchia di decenni utilizzata dall’esercito del Myanmar per reprimere gli insorti.
Fonti: Articolo del 15/04/22 di Periodico Daily. Foto Market screener

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *